iPhone targato TIM e la flat VoIP che non c'è

gotalk.jpg

Il piano tariffario dell’operatore australiano GoTalk

Amanda lo aveva anticipato qui: sembra che il tanto sospirato iPhone venga targato TIM nel suo arrivo in Italia. E sembra che Apple abbia chiesto agli operatori il 10% dei proventi generati dal traffico dagli utenti che userebbero l’iPhone (che ancora non supporta il 3G e dunque l’UMTS): Stefano secondo te questa politica di Apple è troppo aggressiva?

Intanto all’estero sono sempre più avanti che qui da noi: mentre alcune telco italiane come Telvia ed Elitel entrano in grossa crisi in Australia a poco più di 9 euro si fanno avanti le offerte low-cost mediante delle flat VoIP. Chiamate illimitate verso i fissi ed i numeri di telefonia mobile se ci si limita ad effettuare 300 chiamate nazionali e 100 chiamate verso i cellullari. Non è tutt’oro quello che luccica: lo racconta oggi anche Punto Informatico.

Ed è lecito il dubbio del perchè GoTalk verso i mobili non addebiti nulla quando tutte le altre telco lo fanno, a partire da Skype: qui si è parlato spesso di tanti software (come non ricordare questo post su Voip Stunt) che offrivano chiamate free (spesso verso numeri fissi) soltanto durante un piccolo periodo pubblicitario.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

1 thought on “iPhone targato TIM e la flat VoIP che non c'è”

  1. penso che ci sia troppa speculazione.
    basta aspettare qualche mese e capiremo tutto.
    io ho scritto mooolto poco sull’iphone, non mi entusiasma, avendone provato uno per diverso tempo, posso dire che e’ un hardware bellissimo, la mancanza della tastiera e’ drammatica e il software e’, ad essere generosi, una buona proof of concept.

Comments are closed.