In caduta libera

vauro060908-alitalia.jpg

Vignetta di Vauro Senesi via [Vauro.net]

Non sto parlando dell’Alitalia come nella vignetta ma del crollo del circa 7% dei consumi degli italiani secondo l’ISTAT e la crescita dal PIL (mai fermo così dal 2003) da 0% a -0.1%.

Aumenta l’inflazione, calano i consumi (l’unico trend in controtendenza è quello dell’acquisto dei servizi), non aumenta il PIL, la disoccupazione non diminuisce, s’aggrava la sicurezza pubblica, non calano le morti sul lavoro, aumenta il problema dell’immigrazione e non si smuove la natalità, cala il potere d’acquisto delle pensioni, l’Italia esce agli Euro 2008 ai quarti di finale perdendo ai rigori contro la Spagna.

E pensare che resto sempre ottimista. Mi chiedo se ci vogliono altri segnali per considerare questo un Paese in crisi ed a rotoli. Non c’è bisogno di sondaggi per capire quale sia l’agenda setting degli Italiani, basta entrare nella vita che fanno tutti i giorni.
In attesa di un vero e grande riformista rimbocchiamoci le maniche. Di questo passo se non viene la fine del mondo di certo ci avviciniamo a quella del sistema Italia. Ammesso che ne esista davvero uno soltanto. Forse è questo il problema.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me