Il vernacoliere di Gennaio/Febbraio

Grande cambiamento ner confronto polìtio fra maggioranza e opposizzione! Basta difatti cor solito dissi fra loro “siamo tutti ladri?, dmapperò voi rubate più di noi? ee ‘nvece ‘n polìtia ‘un ce n’è di gente onesta?! Speciarmente dopo Bancopoli era doventato un ritornello, eun si sentiva artro che ladri ladri, la gente ‘un ne poteva più e chiedeva varcosa di novo perdavvero! E cià penzato Berlusconi, ‘un dubità!
Che a di’ vero a lui ‘r su’ ufficio propaganda n’aveva anche preparato de’ novi slòga der tipo “le mamme de’ rossi son tutte tegami/ e c’è certi babbi ni fanno i rufiani? da cant0 tutti ‘n coro alle convescio di Forzitalia colle bandiere ‘n mano in piena campagna elettorale, ma seddercaso poi Fassino ni rispondeva “a me mi ci mandi la tu’ sorella? e chisss ‘ndove s’andava a finì!
Che anche Ciampi nel’aveva detto, occhio bimbi a ‘un istraparlà perché qui c’è ‘n giòo tutto ‘r valore demogràtio dell’arternanza ner dissi ladri mapperò ammodino, ‘un si pole cantà tutti assieme l’innodimameli e trattassi le mamme da tegami!
Dimodoé Berlusconi era lì che chiaccherava a Portapporta, tuttantratto ha detto “io colla sinistra ‘un mi ci fo nemmen le seghe? come nulla fosse ma si vedeva bene che lsaveva studiata perbenino!
Dé, a Vespa ni s’è ‘lluminato ‘r viso, c’era ‘ nei ni parevano tante lampadine! «Questo è ‘no scuppe, presidente!» ha principiato a sbavà tutto gongoloni. «Grazzie d’avé scerto la mi’ trasmissione per parlà di seghe, finarmente un linguaggio novo!»
«E guasiguasi lo vado a di’ anche ‘n tribunale!» ha rincarato deciso Berlusconi, per fa’ capì tutta l’importanza della su’ diarazzione. Un po’ come quando è andato ‘n proùra a raccontà che i capi de’ Diesse vanno a cena ‘on chi ni pare, che a di’ ‘r vero ‘un sarebbe ‘na ‘orpa mapperò si principia sempre dalle cene e chissà poi ‘ndove si finisce, magari a trombà tutti nella Còppe, e ‘ vaìni per le donnine ce li mette l’Unipo!
A quer punto però Casini ha fatto sapé che per lui a parlà di seghe ’n tribunale si rischia di sortì dar seminato perché la polìtia deve restà ‘n parlamento sennò si fa tutto un purpurrì di ladri e segaioli senza più rispetto per la separazzione delle ‘ompetenze, eppoi me la saluti la demograzzia!
Che anche ‘r papa ha detto sissì è vero, le seghe lasciamole ne’ ‘onfessionali a’ preti e ‘nzomma pareva finito tutto lì, mapperò Berlusconi ‘nsisteva piccoso e ‘n tutte l’occasioni che veniva fori ‘r nome de’ capi dell’Ulivo ’un diceva propio seghe ma faceva lostesso la mossa colla mano e ci rideva tutto malizzioso. E la gente davanti alla televisione si dava di gomito e diceva s’è capito, vai, ‘un siamo mia pisani!
Finché ‘r centrosinistra ‘un n’ha potuto più, e Fassino ha convoato una ‘onferenza stampa perapposta con D’Alema e Rutelli per di’ che “Berlusconi parla di seghe ma ce lo vole buttà ‘nculo!?, tanto pe2 sputtanà l’ennesimo confritto d’interessi der Cavaliere, che dice sempre una ‘osa e ‘nvece ne fa un’artra.
Da parte sua Prodi ha diarato che in onni ’aso le seghe ‘r centrosinistra se le farà per conto suo s’un si mette tutt’assieme in un partito solo, così magari sulla luce si risparmia!

tratto da Il vernacoliere

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

1 thought on “Il vernacoliere di Gennaio/Febbraio”

  1. Pingback: politica … at kOoLiNuS.net

Comments are closed.