Il traffico dei siti web: tra statistiche e servizi poco affidabili

Diciamocelo, non solo i SEO ma anche le Company guardano le pageviews ed il traffico generato da un sito web, soprattutto se si tratta di operazioni commerciali. Quest’ansia da “visita” coinvolge anche molti blogger: altrimenti perchè affannarsi nell’installare tool come Google Analytics o i tanti plugin per WordPress ? Diamo tutti, anche per curiosità, un occhio ai referrer dei visitatori, anche se forniamo un Feed Rss completo.

Tempo fa mi trovai a scrivere di Movers, un piccolo tool che compara diversi servizi 2.0 utilizzando i dati del noto Alexa, la cui affidabilità è già stata messa in dubbio con vere e proprie scalate.
Peter Norvig inoltre ultimamente ha espresso i suoi dubbi sulla precisione di Alexa Toolbar che una volta installata traccia le visite che fai in maniera anonima in modo tale da fornire i dati per calcolare rank e pagine viste.
Ho provato a dare un’occhiata all’attuale Top 100 dei siti web più visitati in Italia secondo Alexa: non c’è un blog nei primi 30, l’unico è il solito Beppe Grillo al 99esimo posto mentre Punto Informatico è 38esimo; Giorgio Tave è sorprendentemente al 40esimo post. La piattaforma di blogging WordPress.com al 47esimo (Blogger è 21esimo).
Questi dati mi sembrano strani: forse la Alexa toolbar è uno strumento per professionisti e SEO ? Insomma sembra che chi se la suona se la canti pure: secondo voi quali sono i migliori metodi e strumenti per calcolare il traffico di un sito web ?

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

3 thoughts on “Il traffico dei siti web: tra statistiche e servizi poco affidabili”

  1. a conferma di quanto dici…io ho in prova…
    – google analitycs
    – histats.com
    – reinvigorate.net

    ce ne fosse uno desse risultati uguali o perlomeno “simili” :D

Comments are closed.