Google lancia Adsense for Feeds: la morte del feedvertising?

La pubblicità nei feed RSS, il feedvertising (già usato da diversi servizi), non ha mai convinto fino in fondo soprattutto per la diffidenza dei lettori. Pochi conoscono ed utilizzano i feed, inoltre molti reader sono in grado di filtrare gli annunci pubblicitari. Tutto inutile, dunque?

Mi sono accorto dal mio account Adsense che dopo circa un anno di beta Google ha aperto a tutti e lanciato definitivamente Google Adsense for Feeds come vedi dallo screenshot del mio account (qualcuno nei commenti mi ha ricordato che non si possono pubblicare CTR e CPM)

Così puoi inserire gli Adsense anche nel tuo feed RSS: qui c’è la guida. Pian piano Google sta integrando completamente Feedburner al suo interno, tanto è vero che in parte è già raggiungibile all’indirizzo: http://feedburner.google.com.
Feedburner ha smesso di realizzare campagne pubblicitarie mediante il suo network di advertising, il FAN. Lo utilizzavo da tempo nel feed e sul mio blog; gli annunci finivano direttamente alla fine del post, l’ottimizzazione era abbastanza comoda anche se il target delle campagne presentate dalle aziende del network pubblicitaro non era il massimo.

In questo ultimo anno non ho guadagnato tantissimo. Ecco le mie statistiche:

google-feedburner-fan-1.jpg
google-feedburner-fan-2.jpg

Di solito chi vende link o fa pubblicità attraverso i feed non viene visto di buon occhio: d’altronde a nessuno piace la pubblicità specie se invasiva.
Non ho idea se Adsense for Feeds riesca a risollevare le sorti del feedvertising però ho sempre considerato esperimenti interessanti quello di Napolux dell’offrire gratuitamente uno spazio sul proprio feed. E la prova che forse anche lo stesso blogroll in futuro potrebbe far parte dei feed consigliati, quelli dei nostri amici o delle persone che reputiamo interessanti. Un sistema più semplice ed immediato rispetto, ad esempio, alla condivisione di un file .OPML con servizi come Grazr.

Tornando a Google Adsense for Feeds, come segnala Google Operating System per ora è possibile attivarli manualmente inviando una mail all’indirizzo adsense-support-aff@google.com indicando il proprio username di Feedburner e l’email dell’account Adsense (in alternativa aprendo un nuovo feed sarà del tipo
).

Ho già inviato una mail: aspetto che mi attivino gli Adsense nei feeds per poter valutare se funzionano a dovere.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

5 thoughts on “Google lancia Adsense for Feeds: la morte del feedvertising?”

  1. Pingback: Vacanze finite | Napolux.com
  2. interessante come cosa…spero non ti dispiacci se la inserisco sul mio blog… ciao!

  3. Pingback: Adsense nei feed RSS, non è tutto oro quello che luccica… - Pierpaolo Pizzolante: laboratorio di informatica, tecnologia, economia, web design e marketing

Comments are closed.