Gli Italiani preferiscono Internet alla Tv?

Non guardo più la Tv, è spesso spenta: preferisco registrare ciò che mi interessa con Vcast per vedermelo con tranquillità quando posso oppure dare un’occhiata alla televisione satellitare di Sky (non amo Sky ma per la pace familiare, soprassedo).
Tempo fa scrissi un post dal titolo “benvenuti sulla net nazional popolare“: criticavo il commente di un navigatore che temeva l’ingresso del pubblico “nazional popolare” su Internet. Quasi questo posto fosse appannaggio di pochi e di una stretta cerchia di geek, nerd, asociali, insomma di tutti quei luoghi comuni e stereotipi che ancora ci sono riguardo il mondo di Internet.

Luca De Biase oggi scrive un post citando una ricerca di Nielsen (che non riesco a trovare sul loro sito) e riprendendo un articolo di Repubblica: sembra che gli italiani preferiscano Internet alla Tv, anche nel Prime Time ovvero in prima serata.
L’altro dato che salta agli occhi e che viene citato nell’articolo di Repubblica è quello dell’Eiaa (European Interactive Advertising Association) che parla di tempo speso online: a tal proposito c’è una ricerca datata Novembre realizzata proprio dall’Eiaa che si focalizza però tra i giovani che vanno dai 16 ai 24 anni.

Siamo uno dei popoli più vecchi al mondo: credete davvero che l’Italia sia piena di nonnetti telematici che preferiscono una scomoda scrivania dotata di mouse e PC al classico kit divano+stufa+televisore+telecomando?

Evidentemente quel 54% di persone trascorrono il tempo in Rete aspettando tutti di dividersi tra Porta a Porta e Matrix.

[UPDATE January 8]

– A proposito di Tv segnalo questo interessante incontro.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

3 thoughts on “Gli Italiani preferiscono Internet alla Tv?”

  1. I dati riportati nell’articolo di Repubblica traggono spunto dalla ricerca dell’Osservatorio Multicanalità, il cui risultato non è il sorpasso del web sulla tv ma l’emergere di nuovi segmenti di clienti multicanali che hanno un comportamento di acquisto e basket di spesa particolarmente interessanti.

    Sul sito http://www.multicanalita.it sono presenti alcune precisazioni metodologiche, nonché è possibile scaricare integralmente gli atti del convegno del 15 novembre 2007.

  2. @Andrea: Ciao Andrea. Conoscevo l’osservatorio e la sua attività di ricerca ma a parte il Pomi altro non viene citato nell’articolo. Cercherò risorse sul sito di Multicanalità: grazie!

Comments are closed.