Gli informatici a rischio di trombosi ?

Leggo qui che i lavoratori più stressati pare siano quelli informatici,a rischio di salute. Una ricerca in Gran Bretagna,in seguito
alla notizia che un programmatore di 42 anni abbia rischiato di morire in seguito ad un intensa attività di telelavoro a causa di un embolo dovuto ad una trombosi venosa,afferma che lo stress è dovuto all’attività sedentaria ed a carichi di lavoro pesanti per lunghi periodi di tempo. E’ consigliato anche dai medici (ma direi dal buon senso) alzarsi ogni 45 minuti circa,poichè gli arti inferiori sono soggetti a stress; spesso si sceglie il telelavoro (specie quando si è a progetto) infatti come formula lavorativa. Nessun allarmismo,fossi in voi però mi farei una bella passeggiatina ogni tanto e starei attento alla postura,che siate lavoratori informatici o meno: prima il tunnel carpale,ora la trombosi,forse non c’era bisogno di sapere che lavorare al Pc non fa poi così bene,ma in fondo c’è di peggio.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

4 thoughts on “Gli informatici a rischio di trombosi ?”

  1. Ho capito che c’è di peggio ma se dopo di noi ci sono quelli in miniera stiam freschi…
    Comunque non servono studi per sentirsi a sera, dopo una giornata intensa, con le gambe indolenzite, gli occhi stanchi, la schiena a pezzi e il cervello in fiamme.
    Troppo computer fa male su questo, ahimè, non si discute.

  2. @bit01: No,dopo non ci sono i minatori,ma è da sottolineare che è da sciocchi lamentarsi troppo,ci son condizioni lavorative ben peggiori.

    @deltatipico: Mi associo ;)

Comments are closed.