Gli exit polls della Chiesa

Leonardo Sciascia vedrebbe nel titolo di questo post una allegorìa tra le panchine delle chiesette (se vuoi i banchi del Concilio del Vaticano) e quelli del nostro Parlamento. Sarebbe una visione neppure tanto lontana dalla realtà.
Si dice sempre “ai miei tempi” facendo seguire questa affermazione con un aneddoto, un ricordo, un rimbrotto. Prima che la vita mi convertisse all’agnosticismo, quando ero più piccolo, scalate dunque 10-15 anni da oggi, la Domenica delle Palme era un momento di gioia nei quali rami di ulivi invadevano le città (spesso tristemente anche le loro strade) e le case, vivendo per mesi vicino al calendario, ad una rubrica o al camino ormai spento.
Comunque occasioni come le feste religiose o, ancora meglio, la messa domenicale, servivano – tra un chiacchiericcio e l’altro di anziane capére – a ritrovare vecchi amici e storie ormai passate, diventavano lo specchio dell’andamento della società e delle sue relazioni ed attività.
Indipendentemente dalle convinzioni religiose, questo contatto fisico era indispensabile tanto da esser stato nella storia dell’Italia importante perchè ha “unito” inequivocabilmente strati diversi della società italiana.

Entravi in Chiesa e ti collegavi con la community della tua città, era come accendere il modem ed aprire il browser: ogni saluto (il link), seguito da un cenno, garbato o meno, rivelava insieme a qualche parola (la pagina Web) biascicata sottovoce (perchè una verità sussurrata è semplicemente più comoda) lo “status” (proprio quello che oggi si diffonde con Facebook e Twitter) di quella persona. Ho scoperto che tutto questo oggi colpisce una comunità meno larga ed estremamente omogenea, chè non ci sono più abbastanza rami in giro per la città. Sono passato prima fuori la Chiesa a me più vicina ed ho notato che c’erano poche auto.
Eppure siamo una nazione dove in una cittadina ci sono più chiese che scuole: secondo te il prete, prima della cerimonia, fa dei sondaggi sugli eventuali presenti o si limita a fare gli exit polls delle donazioni?

Forse sono entrato in un’altra Rete, quella di Internet e dei miei amici non mi consente di scoprire quei nodi che l’interazione religiosa e la chiesa erano in grado di creare. Ed ai quali ci siamo collegati almeno una volta. Non è più un Paese per catechisti.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me