G1: first Google Android phone

g1-t-mobile-google-phone.jpg

Una immagine di T-Mobile G1

E’ uscito G1 dell’operatore T-Mobile, il primo cellulare che usa il sistema operativo di Google, Android. Nonostante le prime impressioni dall’esterno il consiglio prima di prenotarlo (a parte che è disponibile inizialmente solo per gli Usa) è quello di provarlo sul campo.
D’interessante c’è il mix tra la tastiera touch screen e quella QWERTY con trackball mentre tra le caratteristiche hardware si fa notare la fotocamera da 3-megapixel (ma non potete fare filmati!), l’interfaccia Micro SD da 1 GB (ed il supporto fino a 8 GB), la presenza di Bluetooth, GPS, GSM/GPRS/EDGE/Wi-Fi, UMTS/HSDPA. E’ possibile fare il copia-incolla e ricevere gli MMS.

La verà novità comunque è il sistema operativo open source Android: trovi alcuni screenshots su GigaOm. La forte integrazione con i servizi di Google (con un tocco trovi subito Google Maps Street View, Gmail, YouTube) e la beta di Android Market – un software che permette di personalizzare il tuo device con nuove applicazioni software – riuscirà ad attirare gli utenti che già usano molto Google?
Certo s’intuisce che G1 non è l’iPhone, un oggetto trendy e di culto. G1 sembra verrà venduto dal prossimo mese al prezzo di 179$ (circa 121 euro) con due anni di contratto.

Fa uno strano effetto vedere il marchio di Google su di un cellulare: che te ne pare?

[UPDATE]

– Ecco un video del G1 all’opera:

– Un ex manager di Google Mobile critica fortemente il nuovo G1. Non ha tutti i torti.

– Divertente vignetta di Joyoftech che fa un confronto G1 vs iPhone. Ecco perchè la scelta cadrà sul G1:

g1-vs-iphone.gif

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

5 thoughts on “G1: first Google Android phone”

  1. Piattaforma e telefono davvero interessanti ma meritano ancora molta attenzione prima di poter competere con l’iPhone. Anzi visto il fatto che si può installare un po’ dove si vuole penso che a farne le spese sarà proprio Windows Mobile.
    L’iPhone ha il multitouch, il fascino di un design praticamente perfetto e apprezzato, Android è un buon terminale ma la strada per lui la vedo molto in salita.

  2. Ricorda molto il sidekick che ha riscosso un grosso successo per TMobile negli ultimi anni. Per me è stata data grossa priorità al messaging, dove il sidekick domina (e google) e la tastiera è un vero plus. Staremo a vedere ….

Comments are closed.