From Bookmakers to Wordmakers?

saplicensing.jpg

L’Associated Press secondo il New York Times (un membro di AP) vuole regolamentare l’uso degli articoli dei magazine sui blog con una proposta che appare davvero bizzarra: come scrive Boing Boing se sei un giornalista o un blogger e vuoi citare almeno 5 parole di un articolo di un giornale dovrai pagare una licenza (che potrebbero revocare quando vogliono loro) di circa 12,50 dollari. Il tariffario completo è presente nell’immagine sopra.

Proposte come quelle di AP dimostrano – per quanti fossero ancora scettici – che il controllo delle informazioni su Internet come per i media tradizionali è un settore fondamentale per l’economia e la nostra società. Il punto è che i Social Media e la Rete stessa impediscono per la loro natura intrinseca una forma di bavaglio seppure sempre più frequentemente si commetta l’errore (?) di scrivere (e/o leggere) per la macchina.

Tu ce li vedi i bookmakers trasformarsi in wordmakers? Immagina la scena: “Scusi, a quanto lo danno oggi questo articolo di Repubblica?”

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

1 thought on “From Bookmakers to Wordmakers?”

Comments are closed.