E’ morto il Flash: Adobe si tuffa nell’online advertising

Oggi è morto il Flash: dopo tante lotte anche con Apple (Steve Jobs aveva ragione?), Adobe non svilupperà più il plugin Flash Mobile per Android e BlackBerry Playbook (ammesso qualcuno abbia mai comprato questo tablet).

E si appresta a licenziare 750 dipendenti tra Nord America ed Europa con un cambio di rotta nel suo business: si tuffa nell’advertising online con il progetto Project Adthenticate, una piattaforma per distribuire e testare annunci pubblicitari sul Web con alcune funzioni simili a quelle di Google AdWords, AdSense e Analytics, rinuite in un solo strumento.

D’altronde di recente Adobe ha acquistato Auditude specializzata in tecnologie per la realizzazione, distribuzione e monetizzazione dei video digitali che riguardano la pubblicità sviluppata da editori e società di media.

Il Flash per dispotivi mobili sta per scomparire: il futuro parla sempre più HTML5 e CSS 3?

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

6 thoughts on “E’ morto il Flash: Adobe si tuffa nell’online advertising”

  1. Ciao Dario, vorrei sapere in che modo colleghi lo stop dello sviluppo del plugin di flash per i browser mobile e i 750 licenziamenti? sei nella head di Adobe? bah.

    Comunque la cosa più triste di questo articolo è il titolo, da poco hanno rilasciato Flash Player 11 & AIR 3 che permettono di distribuire il carico sulla GPU delle scheda video e con flash pensa si può addirittura giocare ad un FPS online, tutto via browser!!! Conosci qualche altro sistema in grado di fare tanto? Non penso.

    Al giorno d’oggi flash non è mai stato così all’avanguardia per fornire esperienze uniche su PC broswser, includendo Giochi , video e app per TUTTI i tipi di mobile (incluso iphone – ipad)

    Comunque quando si sparano certe baggianate è giusto documentarsi bene prima,
    non scrivere 3 righe di articolo con 2 link, ci fai solo incazzare.

    1. Ciao Fabio, no, non sono in Adobe. Faccio incazzare chi, perchè parli al plurale? Molti post qui sono provocatori e non dispenso mai verità o certezze assolute e chi mi legge lo sa: quando lo sono lo scrivo ben chiaro e non pongo domande. Il collegamento con i licenziamenti l’ho fatto io, dell’uscita di FLASH ed AIR ne avevo già letto: davvero credi che in futuro si continui a giocare via browser usando Flash? Anche su OS cloud?

      Per me è una cattiva notizia perchè sono anche utente Android: sai quanti sono e saranno questi dispositivi in circolazione? Molto più che “esperienze uniche su PC”. Questo è quanto. Non prendertela con me, io non gioco a fare il guru dico solo ciò che penso.

      1. Quello che voglio dirti, caro Dario, è che tutti sono bravi a sparare stronzate:

        “FLASH è MORTO! L’HTML5 NON HA FUTURO!
        APPLE HA FATTO PACE CON ADOBE!
        BERLUSCONI LASCIA IL GOVERNO, ADOBE PRENDE LE REDINI!”

        Il problema è poi argomentare e spiegare in dettaglio perchè sostieni queste cause.
        Dal tuo articolo non si evince niente, a parte che adobe sta lincenziando dei dipendenti
        e che stanno sviluppando un tools per l’analisi degli swf per l’advertising.

        Forse hai studiato marketing e con il titolone ad effetto hai dirottato un bel quantitativo di traffico sul blog ma in quanto a contenuti non ci siamo proprio.
        Vuoi informare la gente e le nuove menti a non occuparsi più di flash?

        Allora rispondi a queste domande?
        – tutto l’advertising online è creato con flash, ad oggi abbiamo un alternativa?
        – se un cliente con grosso budget ti chiede un esperienza unica sul web con giochi, video interattivi, gallery in 3d, e un panda viola che corre e spacca i muri con che tecnologia lo realizzi?
        – se volessimo sviluppare un videogioco via browser che sia adattabile anche ad ipad-iphone cosa usiamo?
        – hai un idea di come nei prossimi 5 anni si svilupperà il mercato del mobile?
        chi ti dice che non saranno più potenti dei computer moderni?
        – sai qual’è la percentuale degli utenti che usano browser pc o browser mobile, hai la tendenza proiettata nei prossimi 5 anni?
        – quali sono le reali alternative a flash?

        E smetti di giocare a fare il guru se flash non l’hai mai usato.

        1. Sinceramente a me diverte ogni volta scrivere che “il flash è morto” per poi vedere che è sempre vivo. Io non sono un talebano e non ho mai un approccio da fan (o da hater), cerco sempre di argomentare. Anche il minimo e se scrivo post non è per portare traffico (dài, per un blogghetto è ridicola pensarla così!) ma per saperne di più, per sapere come la pensano gli altri e imparare. Se poi, questi altri, attaccano soltanto e a loro volta non argomentano allora il post non è servito proprio a niente. Ne esco sconfitto per prima io (e però te l’ho detto per prima io che non gioco a fare il guru).

          Per ora rispondo soltanto ad una delle domande che mi hai posto, mi pare quella più importante: ho usato Flash e AS l’ultima volta 5 anni fa, ho smesso da un pezzo. Non sono un art director, non sono un grafico, non sviluppo videogame, non sono un dev. E infatti non ho detto una cosa in più riguardo considerazioni tecniche ma solo di base sul mercato. Che poi l’intenzione sia fare giochi in Flash su Android (e altre piattaforme) usando AIR e non Flash è una scelta strategica di Adobe.

          Se ne sai di più sono tutt’occhi.

  2. AIR è FLASH, semplicemente quando devi esportare un filmato a posto di mettere “swf” metti “applicazione per iphone”, lo sviluppo viene fatto in flash cs 5 o in flash builder. -___-‘

    DI base sul mercato flash è l’unico sistema per creare pubblicità online ad oggi, quindi dire che è morto è dire che è morta la pubblicità online; ti sembra il caso di spararle così grosse?

    Vabè in sostanza hai usato flash 5 anni fa e ora che non lo usi più tu è morto?
    bah forse ho toni troppo polemici, tu però cerca di scrivere qualche articolo in meno con argomentazioni più solide,
    perchè il web è già pieno di spazzatura.

Comments are closed.