Come rovinare la reputazione di un politico con un blog

Beppe Grillo lo fa da tempo sul suo blog ed è diventato famoso su Internet anche per questo. I casi di Trash Politique 2.0, cattivi esempi di comunicazione politica online con conseguente abbandono dei luoghi digitali, sono sempre più in aumento e si snodano attraverso dinamiche singolari.

Ad esempio: la probabile nuova P3 per rovinare la reputazione di Caldoro si è inventato ed ha pubblicato durante l’ultima campagna elettorale delle elezioni regionali 2010 un finto dossier sul sito/blog www.campaniaelezioni.altervista.org chiuso e bloccato due giorni dopo a seguito di una querela per diffamazione di Caldoro.

Sorprende come alcuni politici siano ben più avanti dei blogger, capaci di operazioni che definirle virali è quasi un offesa. Per gli elettori che sono nuovi all’uso di Internet e per i politici inesperti, vale la pena di leggere questo decalogo prima di fidarsi dei candidati, i primi, ed i secondi di avventurarsi in operazioni intelligenti tese a rovinare la reputazione di un politico qualsiasi seppure svolte da uno staff “esperto” (che anche se poco professionale non farebbe mai una cosa del genere).

Ti ricordo che per qualsiasi segnalazione del genere puoi scrivermi a: trashpolitique@dariosalvelli.com

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me