Category Archives: Voice over Net

Notizie dalla Rete, un megafono di ciò che succede sul Web giorno per giorno.

L’uomo del kit ha detto “keyboard”

Sei stanco di usare la tua tastiera e vorresti provare con una soffice banana? Beh, guarda il video: al MIT Media Lab due studenti hanno inventato un kit, MaKey MaKey, che usando Arduino trasforma qualsiasi oggetto (anche l’acqua!) in tastiera. Nessun software, nessuna linea di codice.

La rivoluzione dei makers è appena cominciata, chissà che ne pensano i ragazzi di FabLab.

email

Google e Polizia Postale lanciano “Buono a Sapersi” per difendere la privacy online

Buono a Sapersi è un progetto sviluppato da Google in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni per tutelare la privacy e la sicurezza online degli utenti: è una campagna pubblicitaria che si svilupperà su diversi media (stampa e affissioni).

Tra tutte le sezioni è interessante quella dei log di ricerca che Google conserva sui suoi server quando usiamo il suo motore di ricerca.

Buono a Sapersi’ nasce dalla constatazione che, sebbene Internet sia uno strumento indispensabile per i benefici concreti che è in grado di portare alle persone nella loro vita privata e professionale, ci sono tuttavia momenti in cui può suscitare delle preoccupazioni e molti utenti non si sentono perfettamente preparati ad affrontarle. Secondo una recente indagine Indaginecondotta su un campione rappresentativo di 1.000 utenti di internet, dai 18 anni in su (gennaio 2012) commissionata da Google a Duepuntozero Doxa, le paure principali connesse all’uso di internet sono legate alla sicurezza delle proprie informazioni. Se il 79% degli utenti di internet manifesta qualche timore nell’uso del mezzo, infatti, il 95% di questi identifica i timori nella paura di un utilizzo improprio dei suoi dati: furto di identità, paura che qualcuno usi i dati per compiere frodi, timore che qualcuno effettui acquisti online con i nostri soldi sono le preoccupazioni maggiori.

Circa 3 utenti web su 4 indicano trasparenza e controllo come fattori chiave per la gestione della propria privacy online. Quello che gli utenti chiedono sono infatti: più trasparenza sui benefici che i siti traggono dalle mie informazioni, maggiori informazioni su cosa sanno di me e come lo usano, impostazioni di controllo più semplici e più formazione su questi temi. In particolare, dopo avere preso visione delle informazioni e dei servizi offerti da Google nel proprio Centro Privacy, il 70% degli utenti internet si è dichiarato più tranquillo e sicuro.

L’impegno formativo prosegue nell’ambito del progetto ‘Buono a Sapersi’ che, nel nuovo anno scolastico 2012/2013, vedrà la Polizia Postale e delle Comunicazioni impegnata in attività di formazione sui temi dell’iniziativa, secondo un calendario che verrà pubblicato nella sezione del sito dedicata ai Corsi di formazione. Gli incontri si svolgeranno una volta al mese per tutto l’anno scolastico, in contemporanea in tutti i capoluoghi di provincia italiani, presso le scuole che ne avranno fatto richiesta all’indirizzo: progettoscuola.poliziapostale@interno.it. Si prevede che il progetto porterà alla formazione di oltre 450.000 studenti, oltre ad insegnanti e genitori.

Italiano per grillini

E’ nato un Tumblr, Italiano per grillini, che raccoglie alcuni (presunti) commenti del blog di Beppe Grillo e di altre pagine del Movimento 5 Stelle (chissà magari a scriverlo c’è un autore di Casaleggio, il Gianfranco Mascia dei Grillini) proprio mentre commento (in maniera qualunquista, mi dicono) alcune dichiarazioni di Giorgio Napolitano sul rapporto tra il web, la politica e i partiti alla ricerca della difesa della democrazia.

Il migliore QR code di sempre

Questo boccale di Guinness è forse il migliore esempio di QR code in circolazione: il codice a barra è nascosto e si vede soltanto quando si versa la birra, una scura Guinness.

A quel punto si può fare una scansione con un lettore di QR per: tweettare riguardo la pinta che hai appena preso, pubblicare uno status su Facebook, fare check-in su Foursquare, scaricare coupon o promozioni, invitare gli amici a bere e leggere contenuti esclusivi di Guinness. E’ almeno da 4-5 anni che si parla dei codici QR, li ha usati anche Google e ogni tanto spuntano ovunque, anche sui pneumatici.

Hai altri esempi di codici QR del genere che funzionano veramente?

L’infantile manipolazione della pubblicità

Ultimamente, forse non a caso, sta girando la traduzione di un vecchio articolo di Noam Chomsky sulla manipolazione delle masse da parte dei media e della politica. Sembra che nell’era dell’informazione, chi fa comunicazione e marketing debba essere necessariamente in grado di influenzare i comportamenti delle persone e deviare l’interesse dei media a proprio piacimento.

Secondo alcuni linguisti del MIT l’ambiguità nei linguaggi è un vantaggio, ne aumenta l’efficacia perchè stimola i nostri meccanismi cognitivi. E per chi scrive e si occupa di pubblicità c’è forse un errore da provare ad evitare, quello di rivolgersi al pubblico come dei bambini scrive Chomsky:

La maggior parte della pubblicità diretta al gran pubblico, usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, molte volte vicino alla debolezza, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente mentale. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se avesse 12 anni o meno, allora, in base alla suggestionabilità, lei tenderà, con certa probabilità, ad una risposta o reazione anche sprovvista di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedere “Armi silenziosi per guerre tranquille”).

In diretta dalla mensa della scuola

I blog servono a raccontare storie che probabilmente non avremmo mai conosciuto ed a descrivere la realtà di tutti i giorni.

Una bambina di 9 anni insieme al padre ha aperto Never Seconds, un blog culinario dove pubblica le foto del vassoio della mensa scolastica: con una macchina fotografica correda ogni immagine con un commento sulla qualità del cibo, la pulizia, il numero di bocconi e la quantità di capelli e il colore del polsino indossato.

Il blog è abbastanza curato, ha ricevuto molto traffico tanto che in soli 18 giorni il padre è stato ricevuto dal Local Council per chiedere suggerimenti sul miglioramento del servizio incluso l’aumento delle porzioni.

Via [RivistaStudio]