PlayReady: Drm on mobile phones

Il 3GSM si è concluso con tante novità, una mi ha colpito (in negativo): Microsoft ha presentato una nuova tecnologia per il DRM nei dispositivi mobili.
PlayReady cerca di realizzare un DRM interoperabile nella telefonia mobile ed è stato ideato per consentire agli operatori di telefonia di offrire contenuti digitali in abbonamento, pay-per-view, ed altre forme di distribuzione. PlayReady infatti supporta tutti i maggiori formati di contenuti multimediali, musica, video, videogiochi, suonerie. Dovrebbe facilitare la possibilità di spostare i contenuti tra diversi device: inoltre questo DRM dovrebbe essere compatibile con quello di Windows Media.
L’integrazione brutale del Drm in Windows Vista, del quale spero di leggere feedback da chi l’ha già provato, e l’aggiunta di questa tecnologia per i dispositivi mobili non può fare altro che storcere il naso: e pensare che c’è chi dall’altra parte la pensa diversamente.
Non credo che il DRM sia la panacea di tutti i mali e della pirateria: personalmente sono contrario a quelle tecnologie che restringono le libertà digitali, dovremmo essere liberi di scegliere, non solo il sistema operativo da utilizzare ma anche l’hardware da acquistare ed utilizzare.
In barba a tutti i monopoli ed alle major: al centro ci dovrebbe essere sempre l’utente, il consumatore. Perchè senza di questo le company non possono vivere.

The future of Web: from 2.0 to ?

semanticmap2.jpg

Questo schema rappresenta l’evoluzione del Web nei prossimi 25 anni: è stato realizzato da Nova Spivack di Radar Networks. L’intento è quello forse più che prevenire le date esatte dei cambiamenti, di scoprire un filo logico attraverso il quale nel tempo il Web cambia e si evolve seguendo i principi del “web semantico“, in parte già descritto agli albori della Rete.
Già dal 2029 potrebbe essere possibile simulare l’intero cervello umano e la sua potenza di calcolo attraverso un interpolazione tra macchine ed applicazioni: Internet diventerà quindi un grande computer planetario, ragnatela di interazioni diversificate.
Nova è partito dal “Web 2.0”, nel quale ha incluso Weblogs, Office 2.0 e in una fase successiva Mashups e Social Networking, ed è giunto al “Web 4.0” caratterizzato da un Web quasi esclusivamente “semantico” e da una Rete definitivamente allargata, nella quale le operazioni sono svolte in parallelo alle attività del nostro cervello. Il passo successivo dovrebbe venire con la versione “3.0” di Internet: Nova ha già dato una definizione di questo termine successivo.

Video Accelerator: how to have speed video

Forse ogni giorno usi YouTube per guardare e gestire i video online: è possibile scaricare sul PC i movie presenti su Youtube ed anche convertirli in un formato video facilmente leggibile dai player.
Vado oltre: ti segnalo una nuova applicazione da abbinare a Youtube, Video Accelerator.
Questo tool promette di migliorare le prestazioni dei video, accellerando lo streaming ed il buffer in modo da facilitare il caricamento e l’integrazione dei filmati nelle pagine web. Le credenziali di questo software dovrebbero essere buone: la società che lo ha realizzato è la stessa che ha lanciato il famoso DAP (Download Accelerator Plus).
Non ho avuto il tempo per testarlo: perchè non lo installi e non mi invii dei tuoi commenti e feedback ?

Link: Video Accelerator

Text files in your Desktop: inserire i file di testo sul tuo Desktop

todo

Hai l’abitudine di memorizzare alcune informazioni veloci (todo list, appunti, link) sui file di testo (.txt) e di aprirli spesso? Troveresti comodo leggere questi file sul Desktop senza doverli aprire?
Esistono dei programmi che monitorano questi file e ti permettono di avere sul desktop l’output (tutte le informazioni a linea di comando) dei file di testo, senza dover aprire il file: è possibile usare ad esempio todo.sh, disponibile anche per Ubuntu è più rivolto alla realizzazione di todo-list; gli utenti Mac probabilmente useranno già GeekTool.
Continue reading “Text files in your Desktop: inserire i file di testo sul tuo Desktop”

Google Adsense for Feeds

Anche Google si butta nel “Feedvertising“, quelle campagne pubblicitarie che vengono inserite nei Feed Rss. Per capirci uno dei servizi più famosi è quello di TextLinkAds, ma anche lo stesso Feedburner da tempo consente di “fare soldi” attraverso il feed del tuo blog.
Continue reading “Google Adsense for Feeds”

Vidavee graffiti: play with online video

Charlee (grazie) mi segnala via email un interessante servizio: la mia idea, BLOG SUGGEST, funziona davvero.
Vidavee è una delle tante soluzioni web che permette di gestire in maniera facile i video online, mediante l’utilizzo di un player flash: Vidavee ha lanciato un piccolo gioco in versione Beta, Vidavee Graffiti che permette di manipolare i nostri video ed inserire degli effetti.
Continue reading “Vidavee graffiti: play with online video”