BTO, live blogging giorno 2

Appena arrivato alla BTO, poichè la wifi non va benissimo a causa di Telecom Italia che avrebbe portato una 8MB qui (niente da fare, la banda larga non è per loro!) il mio live blogging lo trovate su Twitter:


Oggi è il Pay a Blogger Day

A quanto pare oggi qualcuno ha deciso che sia il Pay a Blogger Day cioè un giorno qualsiasi dell’anno in cui donare qualcosa ai blogger soltanto perchè hanno tempo da perdere per scrivere post oppure andare agli inviti delle PR. Ovviamente anche questa è una campagna stavolta ideata dal servizio di micro-pagamenti Flattr. Continue reading

Chi ha visto Luigi? La nuova iniziativa per promuovere il Turismo a Caserta

Luigi Turista Caserta, web marketing turistico

Ricordi il cartone animato “Che fine ha fatto Carmen Sandiego?” L’uomo in canottiera che promuove bufale, melannurca (prodotti tipici e buonissimi di Terra di Lavoro) ed hotel spacciandoli per “Cultura” (è cultura qualche triste congresso politico?) si chiama Luigi e fa parte di Turista Caserta, la nuova iniziativa di marketing turistico sviluppata dalla Camera di Commercio, da Sintesi e da Four Tourism per promuovere il turismo a Caserta.

Turista Caserta Continue reading

La banda larga non è un Servizio universale per l’UE: ecco cosa farei se fossi il Sottosegretario per il digitale

Questa storia del Sottosegretario del Governo Monti (un ruolo che verrà affidato sicuramente alla politica dalla politica) che probabilmente si occuperà anche del digitale è pericolosa se dovesse rivelarsi una figura che non ne capisce nulla o ancora peggio che sia lì solo per rappresentare una lobby. Se proprio dovessi scegliere preferirei un Sottosegretario nerd.

Ad ogni modo secondo Wikipedia la definizione di servizio universale è: “una figura giuridica che comporta degli oneri a carico di un gestore pubblico o privato di un servizio di pubblica utilità“. E’ così per le Telecomunicazioni in Italia dove il gestore che ha la quota maggiore, Telecom Italia, deve adempiere ad una serie di obblighi che vengono renumerati dallo Stato.

Tra questi obblighi, per motivi di costi, non c’è la banda larga che quindi non è in Italia e in molti altri Paesi (tranne ad esempio Finlandia, Malta e Spagna) un servizio universale. E non lo sarà a breve perchè per la Commissione Europea la banda larga e la telefonia mobile non sono un servizio universale.

Neelie Kroes ha detto “Voglio garantire che le regole del servizio universale portino reali benefici all’economia digitale e, allo stesso tempo, evitare l’imposizione di un onere sproporzionato per il settore o un’indebita distorsione del mercato“. In sostanza l’UE dice che c’è troppa disparità tra gli Stati membri e che sono troppo alti i potenziali costi perchè sarebbe stato onoreso per Paesi con basso reddito e scarsa penetrazione.
Secondo la Commissione UE però gli stati membri possono comunque includere la banda larga e la telefonia mobile nel servizio universale purchè giustifichino la scelta e intervengano rendendo più efficienti questi settori: meccanismi di designazione dei fornitori del servizio universale e di finanziamento, calcolo del costo netto degli obblighi del servizio universale, criteri per definire la velocità minima di accesso, misure per gli utenti disabili.

Per questo se fossi il Sottosegretario che dovrà occuparsi dell’economia digitale dell’Italia mi occuperei per prima cosa di questi punti assicurando la banda larga e la telefonia mobile quale servizio universale. E guarderei con attenzione la recente richiesta all’AGCOM di Adiconsum di “garantire almeno 2 Mbit/s e allargare la fornitura del servizio universale anche agli altri operatori oltre Telecom, oggi unico fornitore“.

La classifica delle aziende che comunicano meglio in Italia

Qualche giorno fa è stato pubblicato l’annuale studio KWD Webranking 2011 Italy Top100 che analizza la comunicazione online corporate delle maggiori aziende italiane: sono state prese in considerazioni le 101 imprese quotate su Piazza Affari e attraverso 120 criteri è stata stilata una classifica, sia la top 10 che la top 100.

Tra gli elementi di valutazione manca quest’anno la sezione dedicata a tecnologia e struttura del sito web ma è stata data più importanza alla trasparenza e ai contenuti presenti online con quindi un maggiore peso relativo a corporate governance, responsabilità sociale ed employer branding. Continue reading

La velocità delle ADSL da 20 e 7 Mega in Italia peggiora

La mappa delle velocità ADSL a 7MB
La mappa delle velocità ADSL a 20MB

E’ giusto affrontare il digital divide ma a che punto è lo stato delle velocità delle attuali ADSL italiane?

SOS Tariffe ha realizzato 200 mila rivelazioni attraverso un test Adsl ha misurato la velocità delle linee dei residenti in 6412 comuni: non è un campione statistico ma una analisi interessante per capire lo scenario della Rete in Italia. Il test salva anonimamente informazioni come il Comune e la Provincia, il provider, la tariffa e la velocità dichiarata della connessione. Continue reading