Ventisei

Lacrime di Coccodrillo di Giuseppe (Joe) Barbieri

Ti nascondi dietro un dito
con una scusa banale
con una mezza verità
che non fa bene a nessuno
nè a te nè a me

e mi domandi scusa adesso
mentre sbaglio a parcheggiare
lacrime di coccodrillo
che non sa più che fare

e mi accorgo di guardarti già diversamente
senza la magia vedo una donna solamente

oggi mi riprenderò me stesso
a partire da ogni goccia
consumata ad allungare
una coperta sempre corta
ricamata sorridendo
ogni giorno veramente

come vedi non ho sassi
che mi porto nelle scarpe
e viaggio al netto delle spine
dei rancori e delle colpe

e finisce qui il meglio che hai saputo darmi
meglio così, meglio prima che sia tardi

oggi mi ricorderò che ho un fiore
custodito nel mio petto
che in silenzio ho coltivato
nonostante il tuo disprezzo,
ostinatamente vivo
ogni giorno veramente;

da oggi ricomincerò a parlarmi
con la stessa confidenza
che prendesti tu in ostaggio
in cambio della tua indolenza
e che legasti con un filo
ai miei sogni lentamente

dimmelo tu cos’è un addio
se ti porterò con me
e non chiedermi perchè
già piango

Dedicata a me ed a qualcuno che non lo saprà mai. Grazie a tutti, anche a quelli che mi hanno ricordato che oggi invecchio.

“We’re Linux” video contest: Linux Foundation vs Apple and Microsoft

E’ stimato che ogni giorno più di 10 milioni di persone usano sui PC il sistema operativo Ubuntu. Quasi 20 mila lavoratori di Google utilizzano una versione modificata, Goobuntu. In Macedonia sono state distribuite circa 180 mila copie ai bambini mentre in Spagna nei PC delle scuole girano sul desktop centinaia di migliaia di Ubuntu.

Mark Shuttleworth è riuscito a fare tutto ciò, a competere con Microsoft ed il suo Windows, a soli 4 anni dalla creazione di Ubuntu. Non ci vuole così poco, non basta rilasciare un software a costo zero. Tutte le distribuzioni Linux finora sono sempre state utilizzate da geeks, esperti, non da persone comuni che utilizzano il computer a casa. Ubuntu ha avuto il pregio di avvicinarsi agli utenti che già usavano Windows fornendo degli ingredenti di semplicità e comodità che hanno certamente favorito, insieme all’interfaccia grafica, la sua diffusione.
Continue reading