Ditegli sempre di si

Il copione è quello di una vecchia commedia di Eduardo De Filippo con tanto di barzelletta. Silvio Berlusconi in gran forma chiede ai bambini de l’Aquila se è un buon Presidente: ma buono nel senso di gentile o di efficiente?
Ai posteri – i bambini quando saranno cresciuti e si troveranno senza pensione – l’ardua sentenza.

Giocare a FarmVille con la salute degli italiani

Che fine ha fatto sui media l’influenza H1N1, la Swine Flu? Ed i vaccini: quanti sono stati usati e quanti quelli prodotti?

Non vorrei che dietro tutto il trambusto sull’ultima pandemia ci fosse solo una forte spinta per il business delle case farmaceutiche. Ad esempio l’accordo firmato tra il Governo italiano e la Novartis, produttrice dei vaccini, pare che non tuteli molto i cittadini anzi soddisfi solo l’esigenze di Novartis.

A leggere le clausole c’è da stare poco tranquilli. Chi ci perde di più è lo Stato ed eventualmente la salute e le tasche di chi si è vaccinato:

Novartis è obbligata a produrre le dosi di vaccino e a rispettare l’accordo con il ministero della Salute. Ma solo fino a quando ciò sia ritenuto “ragionevole”. E ancora, se il siero vaccinale è dannoso per la salute “il Ministero è tenuto a tenere indenne Novartis da qualsiasi perdita che l’azienda sia tenuta a risarcire in conseguenza di danni a persone e cose causati dal prodotto”. In altre parole, se il vaccino fa male a chi lo assume paga lo Stato. La multinazionale risponde soltanto dei difetti di fabbricazione. Infine, se il prodotto non viene consegnato per mancato ottenimento dell’autorizzazione all’immissione al commercio e di prove cliniche positive, è ancora il Ministero a pagare. Il forfait è di 24 milioni di euro netti.

Articolo 4: garanzie e indennizzi. E se dall’assunzione del vaccino deriva un danno alla salute? L’azienda non è responsabile. Si legge nell’articolo 4.6: “Il Ministero è tenuto a indennizzare, manlevare e tenere indenne Novartis da qualsiasi perdita che l’azienda sia tenuta a risarcire in conseguenza di danni a persone e cose causati dal prodotto”. In altre parole se il vaccino è dannoso paga lo Stato. La multinazionale risponde soltanto dei difetti di fabbricazione.

Vivo o morto, Bin

osama_bush_captured

Alla BBC UK ancora s’interrogano se secondo una famosa teoria Osama bin Laden sia morto veramente 8 anni fa durante la battaglia di Tora Bora oppure invece sia ancora vivo come molti pensano. Srà difficile per il premio nobel Barack Obama catturare e poi esporre il corpo del terrorista più noto al mondo.

Come per Chuck Norris, anche Bin Laden rischia di diventare un mito tutto americano. Questa volta in negativo, s’intende.

Il Paese del menefreghismo

spray pepe sao paulo brasil

A Sao Paulo in Brasile stanno protestando in maniera decisa contro l’aumento del biglietto degli autobus di circa 40 cent. La polizia per sedare le “terribili” manifestazioni ha usato bombe e spray al peperoncino.

Qui in Italia aumenta di tutto ogni anno e nessuno dice niente: treno, aereo, benzina, energia elettrica, gas, acqua. Siamo il Paese del menefreghismo.