Bamboccioni low cost

Mentre qualcuno si mobilita per il boicottaggio della Mondadori (il TG1 ne parlerà mai?) e dall’altra parte tornano a litigare per un nuovo Ulivo (in Puglia fanno un ottimo olio) ecco la generazione boomerang raccontata dal Corriere: ma che razza di nomi sono? Chiamatela pure generazione mandrake o “i cavalli di ritorno che non fuggono all’estero”.

L’articolo su uno di questi giovani racconta di una porzione di giovani che non può permettersi lussi e vive al risparmio. La scoperta dell’acqua calda:

Per limitare gli sms ha creato un gruppo su Facebook. In vacanza sceglie il campeggio, «e a cena si va per sagre». All’università prende appunti su fogli bianchi A4, i quaderni sono stati aboliti. A casa, dove vive con i suoi, conserva gli scontrini e verifica tutte le spese.

Ieri a SuperQuark si parlava di allungare la vita a 120 anni. Passare un secolo tra sagre, accessi di Facebook e nessuna vacanza non deve essere una bella vita. La differenza è che una volta c’erano le politiche giovanili (ce ne sono sempre state poche in Italia ma per lo meno se ne discuteva) ora c’è il Ministero per la Gioventù. Bruciata, aggiungerei.

Author: Dario Salvelli

Growth Hacker, Digital Marketing expert. I work as the Global Social Media Manager of Automobili Lamborghini. Contact me

2 thoughts on “Bamboccioni low cost”

Comments are closed.